dolore_fig1_300x289

La vulvodinia o dolore vulvare, è un disturbo cronico della vulva, che si presenta con bruciore, fastidio, dolore o dispareunia, in assenza di alterazioni visibili o di specifici disturbi neurologici clinicamente identificabili, della durata di almeno 3 mesi. La vestibulodinia (anche detta vestibolite vulvare) consiste nel dolore alla zona di accesso alla vagina, mentre la vulvodinia (anche detta vulvodinia disestesica) consiste nel bruciore o dolore presente nelle zone della vulva al di fuori del vestibolo.

Le pazienti con vulvodinia possono avere anche bruciore o dolore al vestibolo.

Le caratteristiche della vulvodinia sono quindi:

– bruciore, dolore, dispareunia

– assenza di lesioni clinicamente evidenziabili a livello vulvare

– cronicità del processo che dura oltre 3 mesi.

Vulvodinia
Vulvodinia: cause
Vulvodinia: sintomi
Vulvodinia: diagnosi
Vulvodinia: terapia

  • Come faccio a capire l'origine e la natura del dolore?

    • Caratteristiche del dolore cronico

      Caratteristiche del DPC sono legate al sito di origine, alla sovraregolazione del segnale nervoso, alla disfunzione miofasciale, all’irritazione dei nervi, all’azione del cervello.

    • Come si fa la diagnosi di dolore pelvico cronico?

      La descrizione dettagliata e precisa del dolore e la visita medica permettono al medico di determinare i test e le procedure di laboratorio necessari per trovare le cause del dolore.

  • La valutazione accurata dei sintomi è essenziale per la diagnosi

    • Dismenorrea (mestruazione dolorosa)

      La dismenorrea primaria è tipica dell’adolescenza ed è causata dalle normali contrazioni uterine indotte dalle prostaglandine. La dismenorrea secondaria può essere invece dovuta a patologie intrauterine o extrauterine.

    • Qual è la differenza tra dolore “acuto” e “cronico”?

      Il dolore acuto è quello che si manifesta quando il corpo è ferito, come nel caso di traumi o di infezioni, come nell’appendicite. Vi è una causa evidente per il dolore.

Quando consultare il medico: 
in caso di dolore cronico, può essere difficile sapere quando si deve andare dal medico. In generale, bisogna fissare un appuntamento con il medico se il dolore pelvico sconvolge la vita di ogni giorno, o se i sintomi sembrano peggiorare.